tolleranza al sale

Tolleranza al sale delle piante di laghetto

Girovagando per internet, ho trovato questo articolo che mostra i risultati di un esperimento condotto da una americana  sulla tolleranza al sale di una quantità abbastanza varia di piante acquatiche.tolleranza al sale

Capita spesso di avere un laghetto con delle Koi attaccate da alcuni ectoparassiti e la maggior parte degli hobbisti sà ormai che il semplice sale da cucina è la soluzione meno costosa, ma anche più efficace contro questi microbi.

La Koi può quindi essere immersa in un bagno di sale a percentuali diverse 1-3 % ma un problema sorge se il laghetto è anche piantumato, dato che le piante tollerano minime presenze di sale nell’acqua.tolleranza al sale

TEST TOLLERANZA AL SALE

La prova della tolleranza delle piante al sale è stata eseguita in un periodo di 6 settimane. Il test è stato eseguito due volte per garantirne la validità. Piante sane, attivamente in crescita sono state poste in una vasca di 1800 litri.

E’ stata aggiunta l’aerazione per assicurarsi che il sale fosse distribuito uniformemente in tutta la vasca. Il sale è stato misurato una volta alla settimana utilizzando un rifrattometro e “La Motte Kit Test” per la salinità.

Ogni pianta è stata fisicamente rimossa dalla vasca e ispezionata prima che fosse aggiunto il livello successivo di sale. E’ stata aggiunta acqua a compensare l’evaporazione e successivamente adattata la salinità con quella al momento presente nella vasca. Ogni 2 settimane la percentuale di sale veniva incrementata dello 0,1%.tolleranza al sale

Lo scopo del test era di vedere quali piante fossero più suscettibili al sale creando una tabella specifica per la tolleranza delle specie esaminate in quanto molti hobbisti fanno abitualmente uso di sale nel laghetto per la salute generale delle Koi.

La lettera “M” in ogni casella rappresenta il livello di sale al quale la pianta è morta. Il livello del sale è stato aumentato ogni 2 settimane, perché in genere è l’arco di tempo che si usa per indurre una guarigione in pesci affetti da parassiti. (Test eseguito da Bonnie Hale – Newton North Carolina)

 

TEST DI TOLLERANZA DELLE PIANTE AL SALE

 

PIANTA

0,1%

0,2%

0,3%

0,4%

0,5%

0,6%

NOTE
Elodea Canadensis

M

Calla Palustris

M

Bacopa Caroliniana

M

Ruellia Brittoniana

M

Menyanthes Trifoliata

M

Crinum Americanum

M

Cephalanthus Occidentalis

M

Canna

M

Ha cominciato a deperire allo 0,5%

Typha Laxmannii

M

Typha Minima

M

Lobelia

M

Eriophorum Angustifolium

M

Lemma Minor

M

Azolla Caroliniana

M

E’ diventata marrone ma non è morta a 0,5%

Nymphoides Peltata

M

Myosotis Sylvatica

M

Limnobium Spongia

M

Hibiscus

M

Ha cominciato a deperire allo 0,5%

Ceratophillum

M

Houttuynia Cordata

M

Iris Pseudacorus

M

Mimulas Ringens

M

Saururus Cernuus

M

Ha cominciato a deperire allo 0,4%

Loto

M

Glyceria Striata

M

Papiro Nano

M

Papiro Egiziano

M

Myriophyllum Aquaticum

M

Pontederia Cordata

M

Zizania

M

Ludwigia Peploides

M

Juncus Glaucus

M

Scirpus Albescens

M

Scirpus Zebrinus

M

Neptunia Aquatica

M

Dichromena Colorata

M

Acorus Gramineus

M

Colocasia Esculenta ‘Black Magic’)

M

Colocasia Esculenta

M

Ha cominciato a deperire allo 0,3%

Thalia Dealbata

M

Ha cominciato a deperire allo 0,5%

Cyperus Alternifolius

M

Alisma Subcordatum

M

Oenanthe Javanica

M

Ha cominciato a deperire allo 0,5%

Castagna D’acqua

M

Ha cominciato a deperire allo 0,5%

Trifoglio Acquatico

M

Nymphoides Peltata

M

Giacinto D’acqua

M

Lattuga D’acqua

M

Ninfea

M

Ha cominciato a deperire allo 0,4%

Menta Acquatica

M

Nymphoides Indica

M

Risulta abbastanza evidente come il sale per la cura delle Koi in un laghetto che abbia anche alcune piante a dimora sia per lo più pericoloso per quest’ultime già a valori di 0,3%, con range variabili da 0,1% (sensibilità assoluta) a 0,6% (discreta tolleranza).
Dato che la cura delle Koi inizia da un minimo di 0,3 fino al 1% e oltre, si evince che sia rischioso l’uso del sale nel laghetto piantumato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2020 @ La Gazzetta delle Koi - Sito realizzato da Follie Web Design