Classificare correttamente una Nishikigoi

Classificare correttamente una Nishikigoi ci aiuta ad apprezzarla, a capire il suo sviluppo, a quantificarne il valore ed eventualmente a scegliere un soggetto, sia che debba nuotare nel nostro laghetto per il piacere della sua compagnia sia che si voglia partecipare ad un Koi Show.

Classificare: le famiglie

Le varietà di Nishikigoi, vengono raggruppate in tredici famiglie.

Per spiegare come classificare partiremo da una visione d’insieme di queste famiglie, elencando per ciascuna di esse le varietà che la compongono.

Famiglia: Kohaku
Sottogruppo: 
Varietà: Kohaku, Ginrin Kohaku e Doitsu Kohaku
Famiglia: Taisho Sanshoku
(Taisho Sanke o Sanke)
Sottogruppo: 
Varietà: Sanke, Ginrin Sanke, Doitsu Sanke, Showa-Sanke, Ginrin Showa-Sanke e Doitsu Showa-Sanke, Aka Sanke, Ginrin Aka-Sanke e Doitsu Aka-Sanke
 
Famiglia: Showa Sanshoku (Showa)
Sottogruppo: 
Varietà: Showa, Kinday Showa, Ginrin Showa, Ginrin Kinday Showa, Doitsu Showa, Doitsu Kinday Showa, Hi-Showa, Ginrin Hi-Showa e Doitsu Hi-Showa
Famiglia: Bekko
Sottogruppo: 
Varietà: Beni Bekko, Ginrin Beni Bekko, Doitsu Beni Bekko, Beni-Hajiro Bekko, Ginrin Beni-Hajiro Bekko, Doitsu Beni-Hajiro Bekko, Aka Bekko, Ginrin Aka Bekko, Doitsu Aka Bekko, Aka-Hajiro Bekko, Ginrin Aka-Hajiro Bekko, Doitsu Aka-Hajiro Bekko, Ki Bekko, Ginrin Ki Bekko, Doitsu Ki Bekko, Shiro Bekko, Ginrin Shiro Bekko e Doitsu Shiro Bekko
Famiglia: Utsuri
Sottogruppo: 
Varietà: Hi Utsuri, Ginrin Hi Utsuri, Doitsu Hi Utsuri, Ki Utsuri, Ginrin Ki Utsuri, Doitsu Ki Utsuri, Shiro Utsuri, Ginrin Shiro Utsuri e Doitsu Shiro Utsuri
Famiglia: Asagi
Sottogruppo: 
Varietà: Hi Asagi, Ginrin Hi Asagi, Konjio Asagi, Ginrin Konjo Asagi, Asagi, Ginrin Asagi, Narumi Asagi, Ginrin Narumi Asagi, Mizu Asagi, Ginrin Mizu Asagi, Taki Asagi, Ginrin Taki Asagi, Ki Asagi e Ginrin Ki Asagi
Famiglia: Shusui
Sottogruppo: 
Varietà: Hi Shusui, Ginrin Hi Shusui, Shusui, Ginrin Shusui, Ki Shusui e Ginrin Ki Shusui
Famiglia: Koromo
Sottogruppo: 
Varietà: Sumi Goromo, Ginrin Sumi Goromo, Doitsu Sumi Goromo, Budo Goromo, Ginrin Budo Goromo, Doitsu Budo Goromo, Ai Goromo, Ginrin Ai Goromo, Doitsu Ai Goromo, Goromo Sanke, Ginrin Goromo Sanke, Doitsu Goromo Sanke, Goromo Showa, Ginrin Goromo Showa e Doitsu Goromo Showa
Famiglia: Goshiki
Sottogruppo: 
Varietà: Kuro Goshiki, Ginrin Kuro Goshiki, Doitsu Kuro Goshiki, Kinday Goshiki, Ginrin Kinday Goshiki, Doitsu Kinday Goshiki, Nezu Goshiki, Ginrin Nezu Goshiki, Doitsu Nezu Goshiki, Reverse Goshiki, Ginrin Reverse Goshiki, Doitsu Reverse Goshiki, Mameshibori Goshiki, Ginrin Mameshibori Goshiki, Doitsu Mameshibori Goshiki, Goshiki Sanke, Ginrin Goshiki Sanke, Doitsu Goshiki Sanke, Goshiki Showa, Ginrin Goshiki Showa e Doitsu Goshiki Showa
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kurogoi
Varietà: Sanke, Ginrin Sanke, Doitsu Sanke, Showa-Sanke, Ginrin Showa-Sanke e Doitsu Showa-Sanke, Aka Sanke, Ginrin Aka-Sanke e Doitsu Aka-Sanke
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Matsubagoi
Varietà: Beni-Hajiro Matsuba, Ginrin Beni-Hajiro Matsuba, Doitsu Beni-Hajiro Matsuba, Aka Matsuba, Ginrin Aka Matsuba, Doitsu Aka Matsuba, Aka-Hajiro Matsuba, Ginrin Aka-Hajiro Matsuba, Doitsu Aka-Hajiro Matsuba, Ki Matsuba, Ginrin Ki Matsuba, Doitsu Ki Matsuba, Shiro Matsuba, Ginrin Shiro Matsuba e Doitsu Shiro Matsuba
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kawarimuji
Varietà: Soragoi, Ginrin Soragoi, Doitsu Soragoi, Murasakigoi, Ginrin Murasakigoi, Doitsu Murasakigoi, Chagoi, Ginrin Chagoi, Doitsu Chagoi, Benigoi, Ginrin Benigoi, Doitsu Benigoi, Beni-Hajiro, Ginrin Beni-Hajiro, Doitsu Beni-Hajiro, Akamuji, Ginrin Akamuji, Doitsu Akamuji, Aka-Hajiro, Ginrin Aka-Hajiro, Doitsu Aka-Hajiro, Midorigoi, Ginrin Midorigoi, Karashigoi, Akame Karashigoi, Ginrin Karashigoi, Ginrin Akame Karashigoi, Doitsu Karashigoi, Doitsu Akame Karashigoi, Kigoi, Akame Kigoi, Ginrin Kigoi, Ginrin Akame Kigoi, Doitsu Kigoi, Doitsu Akame Kigoi, ShiroMuji, Akame Shiromuji, Ginrin Shiromuji, Ginrin Akame Shiromuji, Doitsu Shiromuji e Doitsu Akame Shiromuji
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kawarimoyo
Varietà: Kijiro, Ginrin Kijiro, Doitsu Kijiro, Nanashigoi, Ginrin Nanashigoi, Yuki Asagi, Ginrin Yuki Asagi, Asagi Sanke, Ginrin Asagi Sanke, Shusui Sanke, Girnin Shusui Sanke, Kosui, Ginrin Kosui, Ochibashiguire, Ginrin Ochibashiguire, Doitsu Ochibashiguire, Koyo, Ginrin Koyo e Doitsu Koyo
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kanokogoi
Varietà: Kanoko (qualsiasi varietà) e Kinginrin Kanoko (qualsiasi varietà)
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kuro-Tancho
Varietà: Kuro-Tancho (qualsiasi varietà), Ginrin Kuro-Tancho (qualsiasi varietà) e Doitsu Kuro-Tancho (qualsiasi varietà)
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kawari-Utsuri
Varietà: Kage Showa, Ginrin Kage Showa, Kage Hi Utsuri, Ginrin Kage Hi Utsuri, Kage Ki Utsuri, Ginrin Kage Ki Utsuri, Kage Shiro Utsuri, Ginrin Kage Shiro Utsuri, Boke Showa, Ginrin Boke Showa, Asagi Utsuri, Ginrin Asagi Utsuri, Shusui Utsuri, Ginrin Shusui Utsuri, Yuki Asagi Utsuri, Ginrin Yuki Asagi Utsuri, Ochibashiguire Utsuri, Ginrin Ochibashiguire Utsuri, Doitsu Ochibashiguire Utsuri, Koyo Utsuri, Ginrin Koyo Utsuri, Doitsu Koyo Utsuri, Soragoi Utsuri, Ginrin Soragoi Utsuri, Doitsu Soragoi Utsuri, Murasaki Utsuri, Ginrin Murasaki Utsuri, Doitsu Murasaki Utsuri, Chagoi Utsuri, Ginrin Chagoi Utsuri, Doitsu Chagoi Utsuri, Karashigoi Utsuri, Ginrin Karashigoi Utsuri e Doitsu Karashigoi Utsuri
Famiglia: Hikarimuji
Sottogruppo: 
Varietà: Kin Hi Matsuba Ogon, Ginrin Kin Hi Matsuba Ogon, Doitsu Kin Hi Matsuba Ogon (Mizuho Ogon), Beni-Hajiro Matsuba Ogon, Ginrin Beni-Hajiro Matsuba Ogon, Doitsu Beni-Hajiro Matsuba Ogon, Orenjie Matsuba Ogon, Ginrin Orenje Matsuba Ogon, Doitsu Orenjie Matsuba Ogon, Kin Aka-Hajiro Matsuba Ogon, Ginrin Kin Aka-Hajiro Matsuba Ogon, Doitsu Kin Aka-Hajiro Matsuba Ogon, Kin Ki Matsuba Ogon, Ginrin Kin Ki Matsuba Ogon, Doistu Kin Ki Matsuba Ogon, Gin Matsuba, Ginrin Gin Matsuba, Doitsu Gin Matsuba, Kuro Ogon, Ginrin Kuro Ogon, Mukashi Ogon, Ginrin Mukashi Ogon, Kin Kuro Kabuto, Ginrin Kin Kuro Kabuto, Doitsu Kin Kuro Kabuto, Gin Kuro Kabuto, Ginrin Gin Kuro Kabuto, Doitsu Gin Kuro Kabuto, Kin Kabuto, Ginrin Kin Kabuto, Doitsu Kin Kabuto, Gin Kabuto, Ginrin Gin Kabuto, Doitsu Gin Kabuto, Nezu Ogon, Ginrin Nezu Ogon, Doitsu Nezu Ogon, Murasaki Ogon, Ginrin Murasaki Ogon, Doitsu Murasaki Ogon, Beni Ogon, Ginrin Beni Ogon, Doitsu Beni Ogon, Beni-Hajiro Ogon, Ginrin Beni-Hajiro Ogon, Doitsu Beni-Hajiro Ogon, Orenjie Ogon, Ginrin Orenjie Ogon, Doitsu Orenjie Ogon, Kin Aka-Hajiro Ogon, Ginrin Kin Aka-Hajiro Ogon, Doitsu Aka-Hajiro Ogon, Kin Ogon, Ginrin Kin Ogon, Doitsu Kin Ogon, Yamabuki, Ginrin Yamabuki, Doitsu Yamabuki, Cream Ogon, Ginrin Cream Ogon, Doitsu Cream Ogon, Purachina, Ginrin Purachina, Doitsu Purachina, Platinum Ogon, Ginrin Platinum Ogon e Doitsu Platinum Ogon
 
Famiglia: Hikarimoyo
Sottogruppo: 
Varietà: Kujaku, Ginrin Kujaku, Doitsu Kujaku, Ki Kujaku, Ginrin Ki Kujaku, Doitsu Ki Kujaku, Patinum Kohaku, Ginrin Platinum Kohaku, Sakura Ogon, Ginrin Sakura Ogon, Kikusui, Ginrin Kikusui, Hariwake, Ginrin Hariwake, Doitsu Hariwake, Yamabuki Hariwake, Ginrin Yamabuki Hariwake, Yamatonishiki, Ginrin Yamatonishiki, Heiseinishiki, Ginrin Heiseinishiki, Kin Aka Bekko, Ginrin Kin Aka Bekko, Doitsu Kin Aka Bekko, Kin Aka-Hajiro Bekko, Ginrin Kin Aka-Hajiro Bekko, Doitsu Kin Aka-Hajiro Bekko, Tora Ogon, Ginrin Tora Ogon, Doitsu Tora Ogon, Gin Bekko, Ginrin Gin Bekko, Doitsu Gin Bekko, Asagi Ogon, Ginrin Asagi Ogon, Kinsui, Ginsui, Shochikubai, Ginrin Shochikubai, Doitsu ShochiKubai, Goshiki Ogon, Ginrin Goshiki Ogon, Doitsu Goshiki Ogon, Kogane Ochibashiguire, Ginrin Kogane Ochibashiguire e Doitsu Kogane Ochibashiguire
 
Famiglia: Hikari-Utsuri
Sottogruppo:
Kin Showa, Ginrin Kin Showa, Doitsu Kin Showa, Gin Showa, Ginrin Gin Showa, Doitsu Kin Showa, Kin Hi Utsuri, Ginrin Kin Hi Utsuri, Doitsu Kin Hi Utsuri, Kin Ki Utsuri, Ginrin Kin Ki Utsuri, Doitsu Kin Ki Utsuri, Gin Shiro Utsuri, Ginrin Gin Shiro Utsuri e Doitsu Gin Shiro Utsuri
 

Va sottolineato che le famiglie non hanno niente a che vedere con le classi di gara, che vengono decise dai singoli Koi Club che organizzano le competizioni con l’unico scopo di non penalizzare alcune varietà rispetto ad altre.

Tancho Kohaku
Sandan Kohaku

Ad esempio una Tancho Kohaku e una Sandan Kohaku, appartengono entrambe alla famiglia delle Kohaku.

Se gareggiassero nella stessa classe di gara la Tancho Kohaku, che hanno un’unica macchia di colore, risulterebbe penalizzata e poco interessante rispetto alla Sandan Kohaku, che invece ha tre macchie di colore ben distribuite su tutto il corpo.

Per questo motivo le Tancho Kohaku gareggiano nella classe di gara tancho, e le Kohaku nella classe di gara kohaku.

La classificazione di una Nishikigoi risulta difficile per tanti motivi, ma l’errore che i neofiti commettono più spesso, è quello di pensare che la colorazione sia determinante della varietà.

Guardate le immagini qui sotto, ritraggono delle Nishikigoi doitsu, cioè prive di squame, di colore bianco e rosso. Si potrebbe pensare che appartengono tutte alla stessa varietà, o che siano varietà diverse appartenenti alla stessa famiglia.

Invece sono Nishikigoi di diverse famiglie e diverse varietà.

Doitsu Hippon-Hi Kohaku

Doitsu Nidan Kohaku

Doitsu Maruten Kohaku

Beni Kumonryu

Hi Kosui

Hana Kosui

Maruten Kosui

Beni Kumonryu

Il Pattern

Ciò che è determinante per classificare di una Nishikigoi è il pattern. Con questo termine inglese si indica la posizione e la stratificazione delle macchie di colore, ed in ultima analisi il disegno che queste macchie producono.

Il primo elemento che determina il pattern è la posizione delle macchie di colore, viene detta stile del pattern, e può essere solo di due tipi: “asagi-style” e “kohaku-style”.

La differenza dei due stili di pattern è anche il maggior traguardo di l’allevamento delle Nishikigoi. Infatti tutte le attuali varietà di Nishikigoi derivano dalle Asagi.

Queste hanno il colore rosso nella zona inferiore del corpo come a formare un “anello”, al contrario delle Kohaku che invece hanno il rosso al centro del dorso come per colmare il centro dell’anello. Questo spostamento della colorazione rossa dal basso ventre delle Asagi al centro del dorso delle Kohaku, ossia dall’anello al centro dello stesso anello, è stata la maggiore difficoltà incontrata dagli allevatori, nonché una delle massime espressioni dell’arte giapponese delle Nishikigoi.

Per questa ragione la posizione delle macchie di una Kohaku viene presa a modello di stile per la gran parte delle varietà in quanto ritenuta la più apprezzabile.

Narumi Asagi

Kohaku

Se prendiamo in considerazione una Asagi, e la priviamo del suo reticolo color indaco, otteniamo una Yuki Asagi.

La Yuki Asagi ci mostra perfettamente ciò che definiamo “asagi-style-pattern”: il colore rosso forma un anello intorno alla Nishikigoi ed è posizionato dalla parte bassa della pancia fino alla linea laterale, e con la crescita questo colore rosso tende a salire verso il dorso.

Questo anello si completa con i motoaka, due macchie rosse sulle pinne pettorali, e con del rosso sulla pinna caudale. Sottolineo che le macchie sulle pinne pettorali sono un elemento fondamentale di questo stile di pattern e quindi devono essere presenti, dello stesso colore di quello asagi-style.

Asagi

Asagi

Yuki Asagi

Yuki Asagi

 

“asagi-style-pattern”

Allo stesso modo se consideriamo una Kohaku, questa ci mostra perfettamente ciò che definiamo “kohaku-style-pattern”: il colore rosso è posizionato nella zona opposta rispetto alla Asagi, ossia al centro dell’anello, quindi dalla linea laterale di un lato alla linea laterale sul lato opposto occupando il centro del dorso.

Nel pattern kohaku-style le pinne hanno il colore di base della varietà, e non devono essere presenti sulle pinne macchie del colore kohaku-style.

Kohaku (Hippon-Hi)
“kohaku-style-pattern”

Quando parliamo di asagi-style-pattern e kohaku-style-pattern, dobbiamo inquadrare le due zone opposte in cui si posizionano le macchie di colore, a prescindere dal numero delle macchie e da quali siano i colori coinvolti (nero, indaco, grigio, bruno, porpora, rosso, arancione, verde, senape o giallo).

Infatti nel pattern asagi-style l’anello potrà essere tutto unito così come frammentato, ossia formato da un gruppo di macchie tutte nella stessa fascia come un “codice a barre” poiché tendono a salire verso il dorso, e di qualsiasi colore.

Parimenti nel pattern kohaku-style la macchia al centro dell’anello potrà essere unica, tanto quanto un gruppo di macchie tutte confinate al centro dell’anello, e di qualsiasi colore.

Sottolineo che anche se guardando una Nishikigoi ci sembra di identificare una varietà, se lo standard di quella varietà prevede uno stile di pattern, in assenza di questo stile stiamo guardando una varietà diversa oppure un ibrido.

asagi-style-pattern kohaku-style-pattern

Beni Kumunryu

Doitsu Sanke

Shiro Utsuri

Shiro Bekko

Ibrido (cross Asagi X Ochibashiguire)

Ochibashiguire

Beni Kumonryu

Kijiro

La stratificazione del Colore

Il secondo elemento che determina il pattern è la stratificazione del colore.

Talvolta infatti due Nishikigoi possono avere lo stesso stile di pattern ed anche gli stessi colori, e ciò che le differenzia è unicamente la stratificazione dei colori.

Nelle Nishikigoi formate, ossia in cui lo sviluppo del colore è completo, le macchie di colore hanno una stratificazione ben precisa, infatti il 1° colore è quello della base, il 2° è quello intermedio che si sovrappone al primo, ed il 3° colore è quello che sovrasta gli altri due.

Ciò che noi vediamo alla fine è dato dalla sovrapposizione dei vari strati, ed in particolare una stratificazione ben precisa sancita negli standard delle singole varietà, cambiando la quale cambia anche il risultato finale.

Prendiamo ad esempio una Kage Showa ed un Goshiki Showa, sono due Nishikigoi di colore bianco, con un reticolo grigio e macchie rosse, e l’unica differenza fra le due sta proprio nella stratificazione di questi colori. La Kage Showa ha il bianco come 1° colore (la base), il rosso come 2° colore (le macchie) e il grigio come 3° colore (il reticolo che sovrasta la base e le macchie).

La Goshiki Showa ha il bianco come primo colore (la base), il grigio come 2° colore (il reticolo) e il rosso come 3° colore (le macchie che sovrastano il reticolo).

Un altro esempio identico con due Nishikigoi metalliche è rappresentato dalla differenza tra Kujaku e Goshiki Ogon, nella Kujaku il reticolo sovrasta le macchie rosse, mentre nel Goshiki Ogon sono le macchie rosse a sovrastare il reticolo.

Kage Showa

Goshiki Showa

Kujaku

Goshiki Ogon

 

Per spiegare ancora meglio la classificazione di una Nishikigoi, nella tabella qui sotto riportata, vediamo una varietà per ciascuna delle tredici famiglie, spiegata mediante stile e stratificazione del colore, ossia i due elementi principali del pattern.

 
Famiglia: Kohaku
Varietà: Kohaku
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: rosso “kohaku-style” (macchie)

Famiglia: Taisho Sanshoku

Varietà: Taisho Sanshoku

 1° Colore: bianco (base)

2° Colore: rosso “kohaku-style” (macchie rosse)

3° Colore: nero “kohaku-style” (macchie nere)

 
Famiglia: Showa Sanshoku
Varietà: Showa Sanshoku
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: rosso “kohaku-style” (macchie rosse)
3° Colore: nero “asagi-style” (macchie nere)
 
Famiglia: Bekko
Varietà: Shiro Bekko
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: nero “kohaku-style” (macchie)
 
Famiglia: Utsuri
Varietà: Shiro Utsuri
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: nero “asagi-style” (macchie)
 
Famiglia: Asagi
Varietà: Kado-jin Narumi Asagi
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: indaco “kohaku-style” (reticolo)
3° Colore: rosso “asagi-style” (macchie)
 
Famiglia: Shusui
Varietà: Ki Shusui
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: indaco (squame della dorsale)
3° Colore: giallo “asagi-style” (macchia)
 
Famiglia: Koromo
Varietà: Maruten Sumi Goromo
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: rosso “kohaku-style” (macchie)
3° Colore: nero-indaco “kohaku-style” (reticolo)
 
Famiglia: Goshiki
Varietà: Kuro Goshiki
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: nero-grigio “kohaku-style” (reticolo)
3° Colore: rosso “kohaku-style” (macchie)
 
Famiglia: Kawarigoi
Sottogruppo: Kawari-Utsuri
Varietà: “Omosako Unique Nishikigoi”
1° Colore: bianco (base)
2° Colore: rosso “kohaku-style” (reticolo)
3° Colore: nero “asagi-style” (macchie)
 
Famiglia: Hikarimuji
Varietà: Kin Ki Matsuba
1° Colore: giallo metallico (base)
2° Colore: nero metallico “kohaku-style” (reticolo)
 
Famiglia: Hikarimoyo
Varietà: Kujaku
1° Colore: bianco metallico (base)
2° Colore: rosso metallico “kohaku-style” (macchie)
3° Colore: nero metallico “kohaku-style” (reticolo)
 
Famiglia: Hikari-Utsuri
Varietà: Kin Showa
1° Colore: bianco metallico (base)
2° Colore: rosso metallico “kohaku-style” (macchie rosse)
3° Colore: nero metallico “asagi-style” (macchie nere)

Le macchie di Colore

Il terzo elemento che determina il pattern è il disegno formato dalle macchie di colore.

Le macchie di colore infatti possono formare disegni particolari cui vengono attribuiti nomi precisi, oppure essere del tutto casuali ed anonimi.

Questi disegni non determinano né la varietà né la famiglia, sebbene alcune varietà possono presentare alcuni tipi di disegno e non altri. Tuttavia si utilizzano per meglio definire un soggetto. Ad esempio una Kohaku, con un’unica macchia rossa a forma di fulmine dalla testa fino alla coda si definisce Inazuma Kohaku, infatti il termine “inazuma” è il nome che viene dato alla macchia a forma di fulmine.

In particolare questi disegni possono essere:

1) Alcuni sono particolarmente simmetrici per la loro conformazione, e particolarmente difficili da ottenere, e questo agli occhi di un giapponese li rende particolarmente pregevoli.

2) Altri invece, per via della disposizione casuale ed anonima delle macchie o per la pochezza del disegno, anche se corretti vengono considerati banali e poco interessanti.

3) Altri ancora invece, per via della loro asimmetria, sono considerati sgradevoli e penalizzanti ed alcuni di questi sono esclusi dagli standard e provocano, in una competizione di bellezza delle Nishikigoi, la squalifica automatica.

Le immagini qui sotto mostrano i diversi tipi di disegni.

Hippon-Hi (penalizzante)

Inazuma

Nidan

Sandan (pregevole)

Yondan (pregevole)

Godan (pregevole)

Gotenzakura (pregevole)

Menkaburi (penalizzante)

Tancho

Maruten

Hanatsuki (penalizzante)

Kuchibeni (penalizzante)

Mekazura (penalizzante)

Bozu (penalizzante)

Bongiri (penalizzante)

Kanoko (penalizzante)

Hana (pregevole)

Hi (penalizzante)

Conclusioni

Concludo precisando che la valutazione di una Nishikigoi va ben oltre la mera classificazione, e che lo studio degli standard delle singole varietà e cosa ben diversa.

Infatti ampliando i propri orizzonti culturali e migliorando la propria sensibilità artistica tramite lo studio approfondito di questi standard, si impara a capire quanto ogni aspetto apparentemente trascurabile sia estremamente importante, e persino quando un aspetto negativo si compensa con un altro e diventa nel complesso simmetrico ed armonioso.

Di fatto le Nishikigoi sono animali da compagnia, e parimenti una forma d’arte giapponese il cui fine ultimo è perseguirne la bellezza e la perfezione, e conoscere la loro classificazione è per il neofita il primo passo per capire meglio questi meravigliosi animali.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2020 @ La Gazzetta delle Koi - Sito realizzato da Follie Web Design