hikarimoyo

Hikarimoyo

Le Hikarimoyo presentano due o più modelli colorati e si dividono sostanzialmente in due gruppi: Koi con modelli colorati su di un colore metallico di base e Koi con due colori metallici.

Il primo gruppo comprende Koi prodotte incrociando Ogon con una qualsiasi delle altre varietà eccetto le Utsurimono.

Entrambe devono avere come caratteristica la pelle chiara e nitida dall’effetto metallico, con o senza squame.

Le macchie di patern, siano rosse o arancioni, devono essere analoghe a quelle di una Kohaku, mentre quelle di colore giallo possono seguire uno schema non definito purchè risultino bilanciate e ben distribuite.

Le macchie di Sumi debbono presentarsi con le stesse caratteristiche del Sumi di una Sanke. L’azzurro deve salire dalla linea laterale alla dorsale.

Le pinne, simmetriche, debbono essere del colore della Koi.

Gli occhi, in accordo con il colore della Koi, possono essere anche bianchi ma privi di intrusioni di nero. Per le Kikusui gli occhi rossi non sono accettati.

Hariwake Koi con due colori metallici, bianco argenteo con macchie arancione (Orenji Hariwake) o giallo (Yamabuki Hariwake). Può essere divisa in quattro gruppi:  “Japanese” con scaglie, Doitsu, Matsuba e Matsuba Hariwake. La testa deve essere preferibilemente bella pulita ed i margini delle scaglie mostrati in rilievo.
Kikokuryu Kumonryu metallica, di solito nero e argento, può anche essere rossa (Beni Kikokuryu) o gialla su argento(Ki Kikokuryu).
Yamatonishiki Sanke metallica normalmente Doitsu ottenuta dall’incrocio di Hikarimoyo con Sanke.
Kikusui Hariwake doitsu metallica .
Platinum Kohaku Kohaku metallica, chiamata anche “Kin Fuji”, ottenuta dall’incrocio di Ogon e Kohaku. Purtroppo spesso l’effetto metallico si sovrappone al rosso diminuendo l’intensità del colore virando così ad un colore aranciato
Kujaku  Il nome significa “pavone”. Koi metallica bianca e arancione. Si presenta nella versione Ogon o Doitsu. Le squame mostrano il Matsuba (effetto pigna) con una testa bella pulita.
Tora E’ la versione Hikari delle Ki Bekko (Koi gialla con macchie nere)
Gin Bekko E’ la versione Hikari delle Shiro Bekko (Koi bianca e nera)
Shochikubai E’ la versione metallica delle Aigoromo.
Kinsui e Ginsui Varietà metalliche delle Shusui. Se la Koi presenta molto Hi è detta Kinsui, mentre se ne ha poco è detta Ginsui
Sakura Ogon Versione leggera della metallica Kokaku. Presenta spesso un motivo floreale dorsale assomigliante a fiori di ciliegio


Bibliografia: The Cult of the Koi M. Tamadachi ; The essential book of Koi Brewster, Hickling, Holmes, Fletcher, Martin & Pitham ; The ultimate Koi N. Fletcher ; Le carpe Koi Sarah Zambrino

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + 17 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2020 @ La Gazzetta delle Koi - Sito realizzato da Follie Web Design