Kawarigoi

Kawarigoi

Kawarigoi , famiglia formalmente classificata anche come Kawarimono accoglie tutte le Koi non metalliche non rientranti in altre varietà.

E’ un gruppo in continua espansione che raccoglie in seno anche quegli esemplari definiti “Unique koi” cioè unici.

Standard Kawarigoi

Anche se il gruppo delle Kawarimono comprende molte varietà diverse tra loro, i criteri con cui vengono giudicati non sono meno rigorosi rispetto alle altre varietà.

La pelle lustra può essere chiara o scura a seconda delle varietà e pura; con o senza squame. Kawarigoi

Il colore è vario in funzione della tipologia di koi considerata ma è fondamentale che sia intenso e brillante; le macchie, ove presenti, debbono essere ben distribuite e gradevoli e armoniche alla vista.

Le pinne e gli occhi debbono essere simmetriche e in tinta con il colore del pesce; in alcuni casi gli esemplari albini (con occhi rossi) sono considerati un pregio.

Karasugoi Si tratta di un pesce nero con pancia rossa o gialla o bianca.
Hajiro E’ una koi nera con il bordo delle pinne bianche. Se il pesce è rosso con il bordo delle pinne bianco è detto Aka-Hajiro.
Hageshiro E’ una koi  di colore nero inchiostro simile alle Hajiro ma con il bianco sul muso e bordi delle pinne.
Yotsushiro Come la Hageshiro ma con tutta la testa bianca. Kawarigoi
Summinagashi Questa Koi è simile alla Hageshiro ed alla Yotsushiro ma esibisce un pattern simile alle Asagi, con squame reticolate.
Matsukawabake Koi dalla livrea sensibile ai mutamenti di temperatura dell’acqua. Essa presenta dei viraggi di colore tendenti al nero in acqua calda e viraggi verso il bianco in acqua fredda. Il colore di base è il nero e l’entità del bianco può essere molto variabile al punto di poter essere scambiati per Shiro o Bekko e nel primo caso (Shiro) avrà un buon motoguru e sumi sulla testa.
Kumonryo Detto anche pesce dragone è una koi doitsu bianca con maculature nere dal bordo frastagliato che salgono dai fianchi verso la dorsale. Se vi è la presenza anche  di macchie rosse è detta Beni-Kumonryu.
Kigoi E’ una carpa gialla con o senza squame; se albina è detta Akame Kigoi.
Chagoi E’ una carpa color del tè con  una variabilità di colore dal giallo limone al marrone rossiccio o scuro. Di maggior valore sono gli esemplari con buon reticolo e colorazione intermedia.
Midoridgoi E’ l’unica carpa con colorazione verde o giallo-verde: Si presenta spesso in versione Doitsu. Se squamata è di maggior pregio perché rara.
Matsuba Sono Koi con squame dorsali dello stesso colore della pelle in cui si inseriscono che però sfumano in un bordo nero creando un effetto reticolo sul pesce. Se la koi è rossa è detta Aka-Matsuba se bianca Shiro-Matsuba se gialla Ki-Matsuba
Soragoi Koi a colore unico grigio o argento.
Ochibashigure Il nome evoca le foglie in autunno che cadono su di uno specchio d’acqua blu. E’ una soragoi con macchie color tè o giallo- marrone.
Benigoi Koi di un solido e profondo rosso (Beni). Quando il rosso non è cosi marcato prende il nome di Aka Mujii


Bibliografia: The Cult of the Koi M. Tamadachi ; The essential book of Koi Brewster, Hickling, Holmes, Fletcher, Martin & Pitham ; The ultimate Koi N. Fletcher ; Le carpe Koi Sarah Zambrino

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 10 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.